martedì 15 ottobre 2013

Zuppa di cavolo nero con fagioli freschi




Non credo di avervi detto quanto io sia golosa di fagioli, e ancora di più di fagioli freschi, ed anche di zuppe e verdure in genere. Immaginando di prendere questi fattori di preferenza e moltiplicarli tra loro, cresceranno in maniera esponenziale,  questo può dare una vaga idea ma non definire quanto mi piaccia questo piatto. Sapete cosa vi dico: è di una golosità tale che per me dovrebbe essere dichiarato patrimonio dell'umanità!

Ingredienti:                                                 

1 mazzo di cavolo nero
300 gr. di fagioli freschi sbucciati
3 pomodori
2 patate
1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
santoreggia (o timo)
Olio Evo, sale integrale e pepe q.b.

Ho controllato gli ingredienti e la modalità di preparazione sulla mia bibbia della cucina tradizionale italiana "Ricette Tradizionali Italiane" di Anna Gosetti della Salda Ed. Solares già citato qua. Alla fine come al mio solito ho apportato qualche modifica al procedimento, il testo diceva di cuocere i fagioli e le verdure insieme dall'inizio, ma dato che mi piacciono le verdure non stracotte, ho preferito bollire i fagioli per mezz'ora a parte con un pizzico di sale e un po' di acqua in più per avere del buon  brodo.
Nel frattempo ho messo in padella in 2 cucch. di olio Evo, prima la cipolla con la santoreggia, poi le patate a tocchi, poi sedano e carota, dopo qualche minuto ho aggiunto le foglie di cavolo nero tagliate a listarelle (può essere necessario sfibrato la costa dietro se la foglie sono grandi), salato e lasciato cuocere qualche minuto coperta. Ho scoperchiato ed aggiunto i pomodori, guardate come si presentava a questo punto:



Che bei colori! Quindi ho aggiunto i fagioli col loro brodo lasciando cuocere per circa 20 minuti. Servito con fette di pane abbrustolite, pepe e olio a piacere.
Alla fine l'abbiamo gustata volentieri anche senza pane, era cremosa e profumata.







16 commenti:

  1. Ho l'orto pieno di cavolo nero, devo provare a farla! Grazie per la ricetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, vedo che non siamo gli unici a diffondere la coltivazione in zona ; )

      Elimina
  2. guarda ci credo che è golosa....e poi appagante riscaldante e nutriente :D

    RispondiElimina
  3. Questa si che è una zuppa ad alti livelli, borlotti freschi, cavolo nero... è magnifica! Merita davvero un degno riconoscimento! ;) Bacini Cincia!

    RispondiElimina
  4. Veramente bella che fa venir la voglia! Bravissima Cincia!

    RispondiElimina
  5. Voto anche io per considerare questo piatto patrimonio dell'Unesco ^_^ Ecco perché tanto amore per quella vellutata ^_^
    Brava, questa zuppa sa di buono e irresistibile!!

    RispondiElimina
  6. Under method you have a entirely different recipe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Taste is not so different, just more fragrant vegetables.

      Elimina
  7. mi ricorda tanto firenze e la toscana, mi fa piacere che il cavolo nero si trovi anche fuori è una ricetta con un buon sapore che dà caldo e piacevolezza del gusto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, è diffuso un pochino, non tutti lo conoscono. Noi oltre a piantarlo nell'orto ne abbiamo regalate delle piante ad amici coltivatori esperti...il classico regalo interessato.

      Elimina
  8. un caro saluto e abbraccio a tutte le tifose della zuppa!
    per ora ve la offro virtualmente, un domani chi lo sa?

    RispondiElimina
  9. Io adoro le zuppe. E sai che ti dico? Riesco a sentirne il profumo della tua. Già, perché non é molto diversa da quella che cucina mia nonna... solo che lei non credo ci metta il cavolo nero. Anzi, non so neanche dirti se l'abbia mai assaggiato io il cavolo nero: bianco, verde e rosso si. Ma nero credo di no. Devo rimediare al più presto :) Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  10. Bella zuppa per le fredde serate che ci aspettano!!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  11. Buonissima, saporita e riscaldante..
    Per favore però specifica anche qui che si tratta di sale integrale.
    Grazie!

    RispondiElimina